Un’analisi ironica e divertente (ma in alcuni casi vera) dei miti che circondano gli audiofili

Gli audiofili sono una razza un po’ particolare. Da molti sono visti come esseri forse un po’ asociali, chiusi in casa propria (o altrui) o in qualche negozio a provare apparecchiature, cavi, abbinamenti vari, qualora non impegnati a tradurre recensioni di apparecchi hi-fi (nel mio caso), cosa peraltro assai divertente e gratificante.

Ma questo hobby è così, .probabilmente non dissimile da tanti altri hobby, ognuno con le proprie manie, fissazioni, dogmi e verità. Ma quali sono i miti audiofili, da dove hanno origine, come si sono sviluppati?

È quanto questo articolo propone di sviscerare, cercando di mettere a nudo l’audiofilo (metaforicamente, s’intende), con lo scopo, forse, di sorridere anche un po’ di se stessi.

Vai alla traduzione

Precedente Recensione di una versione modificata di un braccio per giradischi classico Successivo Un pre-phono di elevatissima qualità, sicuramente uno dei migliori nel suo genere