Recensione di un music server, un “dolce sogno” per l’audio digitale high-end

Proseguono le prove di apparecchiature per l’ascolto di musica digitale, liquida, cioè non vincolata all’uso di un supporto specifico che richiede un dispositivo specifico (ad esempio, giradischi o lettore cd).

Qui si esamina un music server di livello high-end, un prodotto che può senz’altro essere considerato un “dolce sogno” per l’audio digitale di elevata qualità, per audiofili (ma non solo) che vogliono il meglio, in grado di sfruttare le possibilità offerte dall’alta definizione in campo audio.

Vai alla traduzione

Precedente Marce e musiche da circo: il vintage nell'era del digitale, perché il passato non muore Successivo L'Aldilà è Meraviglioso: Nuove Avventure nel Flipside (vol.2)