Recensione di un braccio per giradischi dalle prestazioni sensazionali per il prezzo

L’analogico, con tutte le gioie e tutti i dolori che lo accompagnano, ben lungi dall’essere morto e sepolto dalla prorompente onda digitale di questo inizio secolo (e millennio), sta conquistando sempre più segmenti di mercato, rappresentando la sorgente per eccellenza, forse l’unica e vera per lo zoccolo duro degli audiofili più conservatori.

Nonostante il prezzo non sia propriamente economico, questo braccio per giradischi offre prestazioni davvero incredibili e non può mancare nella catena analogica di ogni appassionato (che può permetterselo, ovviamente).

Vai alla traduzione

Precedente Aggiornamento di un software che ottimizza le prestazioni sonore di un computer Successivo Recensione di un progetto di diffusori open baffle (senza cassa) davvero largabanda