Computer Audio semplice e amplificazione efficiente per un ascolto digitale audiofilo

Questa volta torniamo a parlare di digitale e di computer audio. Ormai il computer svolge anche il ruolo di sorgente sonora, e non è infrequente usarlo per ascoltare la radio (ahi, cara e vecchia FM, ma non solo… onde corte, lunghe e medie) e tutti questi servizi di streaming in qualità più o meno “audiofila”. Naturalmente, qui parliamo di un ascolto attento, “critico” come si dice; non l’ascolto distratto e di sottofondo che si può fare mentre siamo occupati in millemila altre attività, ma sedersi in poltrona, di fronte e in mezzo ai diffusori, e godersi la propria musica preferita (e magari per scoprirne di nuova).

Qui abbiamo un prodotto che fa da music server e si collega via wi-fi, così non c’è nemmeno bisogno di avere ulteriori cavi che penzolano in casa. Un prodotto semplice e versatile che permette anche all’ascoltatore esigente di ascoltare musica senza compromessi. Il futuro è qui, e anche gli audiofili devono adattarsi per non rappresentare una specie in via di estinzione o un’etnia racchiusa in una riserva (musicale).

Vai alla traduzione

Precedente Recensione di una registrazione audiofila delle prime composizioni di Erik Satie Successivo Marce e musiche da circo: il vintage nell'era del digitale, perché il passato non muore